Powered

News & Eventi

Detrazione 55% Agenzia delle entrate: c’è tempo fino al 2 aprile per l’invio della comunicazione A causa delle festività pasquali la scadenza del 31 marzo slitta di due giorni

28 Marzo 2013

48 ore in più, quindi, per comunicare all’Agenzia delle Entrate i lavori per il risparmio energetico effettuati a cavallo tra il 2012 e il 2013 pagati nel 2012 per poter usufruire della detrazione fiscale del 55%.
I contribuenti che hanno eseguito lavori di risparmio energetico ammessi ai benefici devono inviare una specifica comunicazione all’Agenzia delle entrate, indicando l’ammontare di quanto hanno pagato lo scorso anno.
Il modello di comunicazione che deve essere presentato all'AdE è stato approvato con un provvedimento del direttore della stessa Agenzia del 6 maggio 2009 e può essere trasmesso in via telematica, con riferimento ai soli interventi i cui lavori proseguono oltre il periodo d’imposta, per comunicare le spese sostenute nei periodi d’imposta precedenti a quello in cui i lavori sono terminati.
Se il contribuente non fosse in possesso della documentazione poiché l’intervento è ancora in corso di realizzazione, può fruire comunque della detrazione per le spese sostenute in ciascun periodo d’imposta, a condizione che attesti che i lavori non sono ultimati.

Il modello non deve essere presentato se i lavori sono iniziati e si sono conclusi nel medesimo periodo d’imposta, se nel periodo d’imposta cui la comunicazione si riferisce non sono state sostenute spese.
Riguardo ai termini di presentazione, il modello deve essere presentato entro 90 giorni dal termine del periodo d’imposta nel quale i lavori hanno avuto inizio. Per gli interventi i cui lavori proseguono per più periodi d’imposta, il modello deve essere  presentato entro 90 giorni dal termine di ciascun periodo d’imposta in cui sono state sostenute le spese oggetto della comunicazione.

Se non si rispetta il termine del 2 aprile 2013 si può usufruire ancora del beneficio fiscale ma si applica la sanzione prevista dall’articolo 11, comma 1, del decreto legislativo n. 471/1997, variabile dai 258 ai 2.065 euro.

Fonte: Investire Oggi


TAG: normativa detrazioni